LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 20 Marzo 2018 <

Domenica 18 Marzo 2018

Lunedì 19 Marzo 2018

Martedì 20 Marzo 2018

Mercoledì 21 Marzo 2018

Giovedì 22 Marzo 2018

Venerdì 23 Marzo 2018

Sabato 24 Marzo 2018

Domenica 25 Marzo 2018

Lunedì 26 Marzo 2018

Martedì 27 Marzo 2018


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  Martedì della V settimana di Quaresima

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Viola
EQ052 ;
Gesù pronuncia una strana sentenza, in contraddizione con tutto il Vangelo, se tolta dal suo contesto: “Dove vado io, voi non potete venire”. In altri termini, non possiamo seguire Cristo se siamo nel peccato, cioè se rifiutiamo Dio e colui che egli ha mandato, Gesù Cristo. Secondo san Giovanni, il rifiuto di Cristo è il peccato più grande. Come Mosè nei confronti del suo popolo, Cristo parla in nome di Dio. Mosè nel tempo in cui era il pastore del popolo di Israele, aveva ascoltato le seguenti parole: “Io-Sono mi ha mandato a voi... Il Signore, il Dio dei vostri padri, il Dio di Abramo, il Dio di Isacco, il Dio di Giacobbe mi ha mandato a voi” (Es 3,14-15). Il nome di Dio bastava agli Ebrei perché avessero fiducia in Mosè, per fuggire dalla schiavitù e partire verso la terra promessa. Questo nome celava in sé la potenza e il dinamismo dell’Esodo. Grazie a questo nome, s’è compiuta la Pasqua in cui non è mancata né manna né acqua. Ci furono le quaglie e il serpente di rame a salvare dalla morte.
Evocando questo nome, che è il suo nome, Gesù ricorda tutta la strada percorsa dalla schiavitù alla libertà, perché ciascuno di noi deve intraprendere questo cammino dalla morte alla vita. Per provare in sé questa Pasqua, bisogna credere in Gesù, credere a Gesù. Credere che egli è l’inviato, il Messia, e credere nelle sue parole. Allora si impara a seguirlo nel mistero pasquale, nella passione, nella morte sulla croce e nella risurrezione.

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Sta’ in attesa del Signore,
prendi forza e coraggio;
tieni saldo il tuo cuore
e spera nel Signore. (Sal 27,14)


Colletta
Il tuo aiuto, Dio onnipotente,
ci renda perseveranti nel tuo servizio,
perché anche nel nostro tempo
la tua Chiesa si accresca di nuovi membri
e si rinnovi sempre nello spirito.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Nm 21,4-9
Il nostro Dio viene a salvarci.

Dal libro dei Numeri

In quei giorni, gli Israeliti si mossero dal monte Or per la via del Mar Rosso, per aggirare il territorio di Edom. Ma il popolo non sopportò il viaggio. Il popolo disse contro Dio e contro Mosè: «Perché ci avete fatto salire dall’Egitto per farci morire in questo deserto? Perché qui non c’è né pane né acqua e siamo nauseati di questo cibo così leggero».
Allora il Signore mandò fra il popolo serpenti brucianti i quali mordevano la gente, e un gran numero d’Israeliti morì. Il popolo venne da Mosè e disse: «Abbiamo peccato, perché abbiamo parlato contro il Signore e contro di te; supplica il Signore che allontani da noi questi serpenti».
Mosè pregò per il popolo. Il Signore disse a Mosè: «Fatti un serpente e mettilo sopra un’asta; chiunque sarà stato morso e lo guarderà, resterà in vita».
Mosè allora fece un serpente di bronzo e lo mise sopra l’asta; quando un serpente aveva morso qualcuno, se questi guardava il serpente di bronzo, restava in vita.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 101

Signore, ascolta la mia preghiera.

Signore, ascolta la mia preghiera,
a te giunga il mio grido di aiuto.
Non nascondermi il tuo volto
nel giorno in cui sono nell’angoscia.
Tendi verso di me l’orecchio,
quando t’invoco, presto, rispondimi!

Le genti temeranno il nome del Signore
e tutti i re della terra la tua gloria,
quando il Signore avrà ricostruito Sion
e sarà apparso in tutto il suo splendore.
Egli si volge alla preghiera dei derelitti,
non disprezza la loro preghiera.

Questo si scriva per la generazione futura
e un popolo, da lui creato, darà lode al Signore:
«Il Signore si è affacciato dall’alto del suo santuario,
dal cielo ha guardato la terra,
per ascoltare il sospiro del prigioniero,
per liberare i condannati a morte».

Canto al Vangelo (Gv 3,16)
Lode e onore a te, Signore Gesù!
Il seme è la parola di Dio,
il seminatore è Cristo:
chiunque trova lui, ha la vita eterna.
Lode e onore a te, Signore Gesù!

>

Vangelo

Gv 8,21-30
Avrete innalzato il Figlio dell’uomo, allora conoscerete che Io Sono.


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse ai farisei: «Io vado e voi mi cercherete, ma morirete nel vostro peccato. Dove vado io, voi non potete venire». Dicevano allora i Giudei: «Vuole forse uccidersi, dal momento che dice: “Dove vado io, voi non potete venire”?».
E diceva loro: «Voi siete di quaggiù, io sono di lassù; voi siete di questo mondo, io non sono di questo mondo. Vi ho detto che morirete nei vostri peccati; se infatti non credete che Io Sono, morirete nei vostri peccati».
Gli dissero allora: «Tu, chi sei?». Gesù disse loro: «Proprio ciò che io vi dico. Molte cose ho da dire di voi, e da giudicare; ma colui che mi ha mandato è veritiero, e le cose che ho udito da lui, le dico al mondo». Non capirono che egli parlava loro del Padre.
Disse allora Gesù: «Quando avrete innalzato il Figlio dell’uomo, allora conoscerete che Io Sono e che non faccio nulla da me stesso, ma parlo come il Padre mi ha insegnato. Colui che mi ha mandato è con me: non mi ha lasciato solo, perché faccio sempre le cose che gli sono gradite». A queste sue parole, molti credettero in lui.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
La Parola appena udita ci assicura che il Padre celeste non ci abbandona alle conseguenze del peccato. Torniamo quindi a lui con tutta l'anima e preghiamo:
Liberaci dal male, o Signore!

Padre santo, soccorri la tua Chiesa: fa’ che si rispecchi nel volto del suo sposo, conformandosi a lui in tutto, per la tua gloria e per la salvezza degli uomini. Preghiamo:
Padre misericordioso, soccorri noi peccatori, che ci allontaniamo dal bene catturati da mille illusioni: fa’ che, guardando il tuo Cristo crocifisso, ci sentiamo amati da sempre e per sempre. Preghiamo:
Padre onnipotente, libera l'umanità intera dai serpenti che oggi la mordono e la fanno sanguinare: fa’ che guarisca dalla guerra, dall'odio, dalla droga, dalla fame e da tutto ciò che la deturpa. Preghiamo:
Padre amoroso, soccorri i milioni di uomini travagliati da pesanti difficoltà: fa’ che questa eucaristia ci comunichi l'ansia operosa di Cristo per i piccoli e i poveri e ci renda dispensatori di fraternità e di pace. Preghiamo:
Padre buono, soccorri quelli che si sentono rifiutati, disorientati e sperduti: fa’ che nella nostra comunità incontrino sguardi cordiali e sinceri. Preghiamo:
Per chi cerca di sanare, col dialogo, situazioni difficili.
Per chi ha bisogno di amici.

Padre, ascolta le preghiere dei tuoi figli, che ti supplicano anche per chi non ha voce. Fa’ che guardiamo con fiducia alla croce di Cristo salvatore, che ha accettato per noi di scendere nell'abisso del dolore e della morte, e ora vive e regna con te nella beata eternità. Amen.

Preghiera sulle offerte
Accogli, Signore, questa vittima di riconciliazione,
perdona le nostre colpe,
e guida i nostri cuori vacillanti sulla via del bene.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO DELLA PASSIONE DEL SIGNORE I
La potenza misteriosa della Croce

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo, Dio onnipotente ed eterno.
Nella passione redentrice del tuo Figlio
tu rinnovi l’universo
e doni all’uomo il vero senso della tua gloria;
nella potenza misteriosa della croce tu giudichi il mondo
e fai risplendere il potere regale di Cristo crocifisso.
Per questo mistero di salvezza,
uniti agli angeli e ai santi, eleviamo a te un inno di lode
ed esultanti cantiamo: Santo...


Antifona di comunione
“Quando sarò elevato da terra,
attirerò tutti a me”, dice il Signore”. (Gv 12,32)


Preghiera dopo la comunione
Dio grande e misericordioso,
l’assidua partecipazione ai tuoi misteri
ci avvicini sempre più a te,
che sei l’unico e vero bene.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

don Cristiano Mauri     (Omelia del 20-03-2018)
Non guardarmi non ti sento
Gesù si trova ancora a dibattere con un gruppo di interlocutori che resistono alla sua parola. Il tema è la sua identità, affrontato qui sotto l'angolatura della sua morte ormai vicina. L'avvio della controversia è dato da una tesi iniziale per cui la sua scomparsa prossima susciterà una ricerca t ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 20-03-2018)
Commento su Gv 8,23-24
«E diceva loro: «Voi siete di quaggiù, io sono di lassù; voi siete di questo mondo, io non sono di questo mondo. Vi ho detto che morirete nei vostri peccati; se infatti non credete che Io Sono, morirete nei vostri peccati». Gv 8,23-24 Come vivere questa Parola? "Voi siete di quaggiù, di questo m ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04-04-2017)
Commento su Gv 8,28
«Quando avrete innalzato il Figlio dell'uomo, allora conoscerete che Io Sono» Gv 8,28 Come vivere questa Parola? Nel vangelo di oggi, Gesù inizia col dire che dove lui va, i suoi ascoltatori non possono andare (cf Gv. 8,22): infatti non possono seguire Gesù se essi rimangono nei loro peccati, se ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 04-04-2017)
Io non sono di questo mondo
Gesù afferma con divina, eterna, infinita verità la differenza che vi è tra Lui e ogni altro uomo. Lui viene da lassù, dal Cielo, dal seno del Padre. Lui vive nel seno del Padre. I giudei invece vengono dalla terra, vivono nel seno della terra. Gesù non è di questo mondo, i Giudei sono del mondo, ap ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 15-03-2016)
Vi ho detto che morirete nei vostri peccati
Quanto Gesù dice ai Giudei, è detto ad ogni uomo che viene sulla nostra terra: "Se infatti non credete che Io Sono, morirete nei vostri peccati". Gesù non chiede di essere conosciuto come salvatore, redentore, messia, mediatore, profeta, uomo di Dio, suo Inviato. Chiede che venga conosciuto come ver ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 15-03-2016)
Commento su Gv 8, 25
«Tu, chi sei?» Gv 8, 25 Come vivere questa Parola? L'incontro-scontro tra Gesù e i farisei continua. Il linguaggio di Gesù si fa ermetico e ricco di riferimenti che solo una conoscenza approfondita del primo testamento permette di decifrare. Chi lo sta ascoltando, il gruppo dei farisei, ha gli ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 24-03-2015)

Gesù supera ogni barriera, osa fino in fondo. Non ha più nulla da perdere, ormai, sa che non ha più nulla da perdere. Lo vogliono morto, è evidente, lo vogliono far fuori. Ma non può tacere, la morte non può fermare la Parola. E lo dice con forza, lo afferma, sapendo bene di scandalizzare l'uditorio ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 24-03-2015)
Commento su Gv 8, 28
"Disse allora Gesù: «Quando avrete innalzato il Figlio dell'uomo, allora conoscerete che Io Sono e che non faccio nulla da me stesso, ma parlo come il Padre mi ha insegnato". Gv 8, 28 Come vivere questa Parola? C'è in questa affermazione del Signore Gesù, una consapevolezza della propria identità ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24-03-2015)
Allora conoscerete che Io Sono
"Io sono" è il nome con il quale il Signore si è rivelato a Mosè, chiamato e mandato a Lui ad annunziare al popolo la liberazione dalla dura schiavitù d'Egitto. Mosè disse a Dio: «Ecco, io vado dagli Israeliti e dico loro: "Il Dio dei vostri padri mi ha mandato a voi". Mi diranno: "Qual è il suo no ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 08-04-2014)

Se siamo legati alla terra, se insistiamo nel restare ?quaggiù? non possiamo alzare lo sguardo, non riusciamo ad incontrarlo, non possiamo andare al di là dell'apparenza per capire chi è veramente Gesù. È vero: spesso neghiamo l'esistenza di Dio perché la sua presenza ci obbligherebbe a rivedere la ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 08-04-2014)
Vi ho detto che morirete nei vostri peccati
È Cristo la salvezza di Dio per ogni uomo. Questa verità è gridata da Gesù in tanti modi. Il modo più solenne è quello della preghiera di lode e di benedizione. In quel tempo Gesù disse: «Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 08-04-2014)
Commento su Nm 21, 4-5
"Ma il popolo non sopportò il viaggio. Il popolo disse contro Dio e contro Mosè: «Perché ci avete fatto salire dall'Egitto per farci morire in questo deserto? Perché qui non c'è né pane né acqua e siamo nauseati di questo cibo così leggero". Nm 21, 4-5 Come vivere questa Parola? Quando intrapren ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 27-03-2012)
Commento su Giovanni 8,21-30
Chi è veramente Gesù? Questa domanda è cresciuta nel tempo del ministero di Gesù, fino a raggiungere la consapevolezza, da parte dei contemporanei di Gesù della pretesa messianica di Gesù. La crescente tensione che Gesù subisce è ben documentata dal vangelo di Giovanni che stiamo leggendo in questa ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 27-03-2012)
"Io sono", la sorgente della salvezza
Gesù preannuncia ripetutamente la sua prossima morte. La trama dei suoi avversari gli si stringe attorno come una morsa, Egli però vuole far intendere senza equivoci, che quanto sta per accadere è "l'opera di Dio", è un ardore incontenibile a condurlo. Egli, compiuta la sua missione, desidera "andar ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 27-03-2012)
Commento su Giovanni 8,24
Se non credete che Io Sono, morirete nei vostri peccati. Gv 8,24 Come vivere questa Parola? Quell' IO SONO è espressione altissima. Non significa certo (come in altri contesti) io esisto. O almeno trascende di molto questo significato. Attenzione! "Io sono" è il nome che Dio stesso rivela di sé ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 27-03-2012)
Voi siete di quaggiù, io sono di lassù
Con parole assai semplici Gesù oggi annunzia ai Giudei l'eterna, divina, celeste differenza che separa Lui da loro. "Voi siete di quaggiù", cioè voi siete fatti di terra. Diceva Elifaz di Teman a Giobbe, volendo convincere di peccato: "A me fu recata, furtiva, una parola e il mio orecchio ne percepì ...
(continua)