LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 21 Marzo 2018 <

Lunedì 19 Marzo 2018

Martedì 20 Marzo 2018

Mercoledì 21 Marzo 2018

Giovedì 22 Marzo 2018

Venerdì 23 Marzo 2018

Sabato 24 Marzo 2018

Domenica 25 Marzo 2018

Lunedì 26 Marzo 2018

Martedì 27 Marzo 2018

Mercoledì 28 Marzo 2018


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  Mercoledì della V settimana di Quaresima

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Viola
EQ053 ;
Essere libero o essere schiavo del peccato, ecco il dilemma che ogni uomo deve affrontare. Essere libero significa appartenere completamente a Dio, fare la sua volontà, poiché egli desidera la nostra salvezza. Essere libero compiendo il bene è fare piacere a Dio. Al contrario, essere schiavo significa andare per la propria strada, essere signori di se stessi. Impariamo a perseverare nell’insegnamento di Cristo. Perseverare significa perdurare sempre, costantemente. Perseverare significa credere anche a scapito della logica umana e delle convinzioni universali. Ciò significa avere il coraggio di dare fiducia a Gesù, rimanere sempre nella casa del Padre. Abramo ha mostrato di avere del tutto fiducia in Dio. La patria, verso la quale per tutta la vita non ha smesso di incamminarsi, è Dio. Se fossimo davvero figli di Abramo, le nostre vite prenderebbero un’altra piega. Il Figlio di Dio è venuto sulla terra per cercare e per salvare ciò che era perduto. Se il Figlio vi libera, sarete davvero liberi. Il tempo di Quaresima ha questo senso: con l’ascolto della parola divina e con le azioni dettate da una fede profonda noi vogliamo ottenere la liberazione operata per noi da Gesù Cristo. Essere un discendente di Abramo non ha un significato carnale, ma spirituale: continuare lo spirito del patriarca, cioè avere una fede sempre più forte.
Nella fede Abramo ha obbedito all’appello di Dio e si è recato nella terra di cui doveva entrare in possesso.
Prima di arrivare alla terra promessa ha peregrinato molto, aspettando la costruzione, su solide fondamenta, della città il cui architetto e costruttore sarebbe stato Dio stesso. E noi siamo capaci di camminare fino alla città costruita da Dio?

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Tu mi liberi, Signore, dall’ira dei miei nemici.
Tu mi innalzi sopra i miei avversari,
e mi salvi dall’uomo violento. (Sal 18,48-49)


Colletta
Risplenda la tua luce, Dio misericordioso,
sui tuoi figli purificati dalla penitenza;
tu che ci hai ispirato la volontà di servirti,
porta a compimento l’opera da te iniziata.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Dn 3,14-20.46-50.91-92.95
Dio ha mandato il suo angelo e ha liberato i suoi servi.

Dal libro del profeta Daniele

In quei giorni il re Nabucodònosor disse: «È vero, Sadrac, Mesac e Abdènego, che voi non servite i miei dèi e non adorate la statua d’oro che io ho fatto erigere? Ora se voi, quando udrete il suono del corno, del flauto, della cetra, dell’arpa, del salterio, della zampogna e di ogni specie di strumenti musicali, sarete pronti a prostrarvi e adorare la statua che io ho fatto, bene; altrimenti, in quel medesimo istante, sarete gettati in mezzo a una fornace di fuoco ardente. Quale dio vi potrà liberare dalla mia mano?».
Ma Sadrac, Mesac e Abdènego risposero al re Nabucodònosor: «Noi non abbiamo bisogno di darti alcuna risposta in proposito; sappi però che il nostro Dio, che serviamo, può liberarci dalla fornace di fuoco ardente e dalla tua mano, o re. Ma anche se non ci liberasse, sappi, o re, che noi non serviremo mai i tuoi dèi e non adoreremo la statua d’oro che tu hai eretto».
Allora Nabucodònosor fu pieno d’ira e il suo aspetto si alterò nei confronti di Sadrac, Mesac e Abdènego, e ordinò che si aumentasse il fuoco della fornace sette volte più del solito. Poi, ad alcuni uomini fra i più forti del suo esercito, comandò di legare Sadrac, Mesac e Abdènego e gettarli nella fornace di fuoco ardente.
I servi del re, che li avevano gettati dentro, non cessarono di aumentare il fuoco nella fornace, con bitume, stoppa, pece e sarmenti. La fiamma si alzava quarantanove cùbiti sopra la fornace e uscendo bruciò quei Caldèi che si trovavano vicino alla fornace. Ma l’angelo del Signore, che era sceso con Azarìa e con i suoi compagni nella fornace, allontanò da loro la fiamma del fuoco della fornace e rese l’interno della fornace come se vi soffiasse dentro un vento pieno di rugiada. Così il fuoco non li toccò affatto, non fece loro alcun male, non diede loro alcuna molestia.
Allora il re Nabucodònosor rimase stupito e alzatosi in fretta si rivolse ai suoi ministri: «Non abbiamo noi gettato tre uomini legati in mezzo al fuoco?». «Certo, o re», risposero. Egli soggiunse: «Ecco, io vedo quattro uomini sciolti, i quali camminano in mezzo al fuoco, senza subirne alcun danno; anzi il quarto è simile nell’aspetto a un figlio di dèi».
Nabucodònosor prese a dire: «Benedetto il Dio di Sadrac, Mesac e Abdènego, il quale ha mandato il suo angelo e ha liberato i servi che hanno confidato in lui; hanno trasgredito il comando del re e hanno esposto i loro corpi per non servire e per non adorare alcun altro dio all’infuori del loro Dio».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Dn 3,52-56

A te la lode e la gloria nei secoli.

Benedetto sei tu, Signore, Dio dei padri nostri,
Benedetto il tuo nome glorioso e santo.

Benedetto sei tu nel tuo tempio santo, glorioso,
Benedetto sei tu sul trono del tuo regno.

Benedetto sei tu che penetri con lo sguardo gli abissi
e siedi sui cherubini,
Benedetto sei tu nel firmamento del cielo.

Canto al Vangelo (Lc 8,15)
Lode e onore a te, Signore Gesù!
Beati coloro che custodiscono la parola di Dio
con cuore integro e buono
e producono frutto con perseveranza.
Lode e onore a te, Signore Gesù!

>

Vangelo

Gv 8,31-42
Se il Figlio vi farà liberi, sarete liberi davvero.


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse a quei Giudei che gli avevano creduto: «Se rimanete nella mia parola, siete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi». Gli risposero: «Noi siamo discendenti di Abramo e non siamo mai stati schiavi di nessuno. Come puoi dire: “Diventerete liberi”?».
Gesù rispose loro: «In verità, in verità io vi dico: chiunque commette il peccato è schiavo del peccato. Ora, lo schiavo non resta per sempre nella casa; il figlio vi resta per sempre. Se dunque il Figlio vi farà liberi, sarete liberi davvero. So che siete discendenti di Abramo. Ma intanto cercate di uccidermi perché la mia parola non trova accoglienza in voi. Io dico quello che ho visto presso il Padre; anche voi dunque fate quello che avete ascoltato dal padre vostro».
Gli risposero: «Il padre nostro è Abramo». Disse loro Gesù: «Se foste figli di Abramo, fareste le opere di Abramo. Ora invece voi cercate di uccidere me, un uomo che vi ha detto la verità udita da Dio. Questo, Abramo non l’ha fatto. Voi fate le opere del padre vostro».
Gli risposero allora: «Noi non siamo nati da prostituzione; abbiamo un solo padre: Dio!». Disse loro Gesù: «Se Dio fosse vostro padre, mi amereste, perché da Dio sono uscito e vengo; non sono venuto da me stesso, ma lui mi ha mandato».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
La libertà che Cristo ha donato ai credenti apre il cuore dei figli alla fiducia verso il Padre. Anche noi ci rivolgiamo a Dio, pregandolo per tutti gli uomini:
Liberaci, Signore, dalle nostre schiavitù.

Per i pastori della Chiesa, perchè professino la sovranità del Signore sempre, e non si lascino tentare dal successo e dalla potenza. Preghiamo:
Per tutti i cristiani, perchè siano consapevoli della vera libertà, che Cristo ha donato a coloro che lo riconoscono con fedeltà e amore come vero Figlio del Padre. Preghiamo:
Per tanti uomini asserviti dall'idolatria del denaro e del benessere, perchè sperimentino la potenza liberatrice della parola del vangelo. Preghiamo:
Per i popoli del terzomondo che lottano per uno sviluppo sociale, politico, economico e culturale, perchè il Signore li aiuti a scegliersi dei governanti all'altezza dei loro ideali. Preghiamo:
Per noi che spesso ascoltiamo la parola della verità che converte, perchè siamo liberati dal sentimentalismo nella fede, da una pietà senza gioia e dall'intolleranza religiosa. Preghiamo:
Per quelle persone che si dichiarano cristiane perchè da bambini hanno ricevuto il battesimo.
Per chi si sente schiavo del vizio e non riesce a liberarsi.

Padre santo e misericordioso, che nel tuo Figlio ci hai fatto dono della vera libertà, fa’ che comprendiamo il valore di essere e di vivere come tuoi figli per cantare sin d'ora il canto dei redenti. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Preghiera sulle offerte
Accogli, Signore, questo sacrificio
che ci concedi di offrire alla tua santità,
e rendilo per noi sorgente di salvezza.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO DELLA PASSIONE DEL SIGNORE I
La potenza misteriosa della Croce

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo, Dio onnipotente ed eterno.
Nella passione redentrice del tuo Figlio
tu rinnovi l’universo
e doni all’uomo il vero senso della tua gloria;
nella potenza misteriosa della croce tu giudichi il mondo
e fai risplendere il potere regale di Cristo crocifisso.
Per questo mistero di salvezza,
uniti agli angeli e ai santi, eleviamo a te un inno di lode
ed esultanti cantiamo: Santo...


Antifona di comunione
Dio ci ha fatti passare nel regno del suo Figlio prediletto;
in lui abbiamo la redenzione
per mezzo del suo sangue,
la remissione dei peccati. (Col 1,13-14)


Preghiera dopo la comunione
O Dio, fonte della vita,
fa’ che la partecipazione al tuo sacramento
sia per noi medicina di salvezza;
ci guarisca dalle ferite del male
e ci confermi nella tua amicizia.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 21-03-2018)
Commento su Gv 8, 31-32
«Gesù allora disse a quei Giudei che gli avevano creduto: «Se rimanete nella mia parola, siete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi»?. Gv 8, 31-32 Come vivere questa Parola? ?Quei Giudei? avevano creduto "a" Lui, ma non ancora "in" Lui. Credere "in" è qualcosa ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 05-04-2017)
Commento su Gv 8,36
«Se il Figlio vi farà liberi, sarete liberi davvero» Gv 8,36 Come vivere questa Parola? Nel vangelo di oggi, Gesù inizia col dire che dove lui va, i suoi ascoltatori non possono andare (cf Gv. 8,22): infatti non possono seguire Gesù se essi rimangono nei loro peccati, se lo rifiutano come inviato ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 05-04-2017)
Conoscerete la verità e la verità vi farà liberi
Prima vi era almeno differenza e distinzione tra il mondo e la fede. Il mondo pensava secondo il mondo, agiva secondo il mondo. La fede invece pensava secondo la fede, agiva secondo la fede, difendeva i principi di se stessa. La libertà era la Legge. La Legge era la verità. La verità era la Parola d ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 16-03-2016)
Se Dio fosse vostro padre, mi amereste
Tutto l'Antico Testamento è via che conduce a Cristo Gesù. Ogni parola, ogni evento, ogni libro, ogni profeta, è come una tessera di un grande mosaico da costruire. Una sola tessera non è il mosaico. Un solo libro non lo è neanche e così dicasi di un solo profeta, un solo saggio, un solo agiografo, ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 16-03-2016)
Commento su Gv 8, 33
«Noi siamo discendenti di Abramo e non siamo mai stati schiavi di nessuno. Come puoi dire: "Diventerete liberi"?» Gv 8, 33 Come vivere questa Parola? Un gruppo di farisei inizia a credere in Gesù. Quel dialogo intenso, difficile li appassiona e prepara i loro cuori ad accogliere aspetti di verità ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 09-04-2014)

La verità ci farà liberi. Emoziona questa Parola, ci interroga, ci scuote, ci scava. La verità ci rende liberi, la verità di noi stessi, quella che ci porta a guardarci senza paura, senza timore, senza nascondere i nostri limiti e senza farli diventare dei minacciosi giganti che ci schiacciano. La v ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 09-04-2014)
Conoscerete la verità e la verità vi farà liberi
Conoscere la verità è divenire verità. La verità però non è una nozione, una idea, un editto, un programma di vita, una conquista della mente o del cuore. La verità è una Persona, è Cristo Gesù. Lui è la verità di Dio e dell'uomo, del cielo e della terra, del presente e del futuro, del tempo e dell' ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 09-04-2014)
Commento su Gv 8, 33
"Noi siamo discendenza di Abramo e non siamo mai stati schiavi di nessuno. Come puoi tu dire: Diventerete liberi?" Gv 8, 33 Come vivere questa Parola? "Non siamo mai stati schiavi di nessuno": è come dire " Noi siamo già liberi". Ma si può fare una affermazione di questo tipo con tanta sicurezz ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 20-03-2013)
Commento su Gv 8,31-42
La verità ci rende liberi. Quante volte mi sono ripetuto questa frase! Gesù è venuto per liberarci nel profondo: dai nostri pregiudizi, dalle nostre inadempienze, dai nostri peccati. Liberarci dalle maschere che siamo costretti ad indossare per sopravvivere in questo mondo, a liberarci dalle nostre ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 20-03-2013)
Chiunque commette il peccato è schiavo del peccato
Ci vantiamo tanto di essere liberi. Liberi dal giogo di una dittatura, liberi nelle nostre abitudini, liberi di fare qualunque cosa ci passi per la mente. Ma siamo sicuri di essere veramente liberi? Non sarà piuttosto un'illusione per addolcire un'amara realtà? Ditemi se vi sentite liberi dalla cup ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 20-03-2013)
Commento su Giovanni 8, 32
"Se rimarrete nella mia parola, siete davvero miei discepoli, conoscerete la verità e la verità vi farà liberi." Gv 8, 32 Come vivere questa parola? Cos'è la verità? La domanda di Pilato e con lui di mille altri, attraversa la nostra storia. Quale esperienza facciamo della verità? Esiste una veri ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 20-03-2013)
Se Dio fosse vostro padre, mi amereste
La libertà di un uomo nasce dalla verità. Oggi il concetto di verità è venuto meno. Di conseguenza anche il concetto di libertà si è totalmente smarrito. Si è perso. Si vive la stessa confusione generata dall'idolatria, così come è descritta dal Libro della Sapienza. È una confusione generale, unive ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 28-03-2012)
Commento su Giovanni 8,31-42
La verità ci rende liberi. L'affermazione di Gesù ci sconcerta e ci mette in crisi: da chi o da che cosa dovremmo essere liberati? Non siamo forse la generazione che esalta la libertà come valore assoluto? Mai le persone sono state libere come lo siamo oggi! Pensiamoci bene: a patto di non essere pr ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 28-03-2012)
Commento su Giovanni 8,31-32
Se rimanete nella mia parola, siete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi Gv 8,31-32 Come vivere questa Parola? A S.Biagio, dove ho la gioia di abitare, questa espressione è stata scritta ai primordi del mio vivere qui, sul muro che regge tutto l'edificio. Il ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 28-03-2012)
Se Dio fosse vostro padre, mi amereste
San Paolo distingue i figli della luce dai figli delle tenebre, dalle opere che ogni compie: "Vi dico dunque: camminate secondo lo Spirito e non sarete portati a soddisfare il desiderio della carne. La carne infatti ha desideri contrari allo Spirito e lo Spirito ha desideri contrari alla carne; ques ...
(continua)