LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 23 Ottobre 2019 <

Lunedì 21 Ottobre 2019

Martedì 22 Ottobre 2019

Mercoledì 23 Ottobre 2019

Giovedì 24 Ottobre 2019

Venerdì 25 Ottobre 2019

Sabato 26 Ottobre 2019

Domenica 27 Ottobre 2019

Lunedì 28 Ottobre 2019

Martedì 29 Ottobre 2019

Mercoledì 30 Ottobre 2019


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  Mercoledì della XXIX settimana del Tempo Ordinario (Anno dispari)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Verde
DO293 ;
Noi siamo sempre avidi di gioia e di privilegi, ma il Signore ci mette in guardia affinché non sbagliamo strada. Certo, Gesù ci promette la gioia, e ci dà molta gioia anche in questa vita, dimostrandoci il suo amore; ma il suo è un amore vero e perciò esigente. Nel Vangelo la domanda di Pietro rivela la tentazione, possiamo dire normale, di ogni cuore umano che si sente privilegiato dal Signore e che, proprio per questo, ritiene che a lui sia lecito lasciarsi andare un po'. Infatti, dopo aver ascoltato questa parabola sulla necessità di essere pronti, sempre vigilanti, Pietro domanda al Signore: "Questa parabola la dici per noi o per tutti?". Noi siamo privilegiati, possiamo stare tranquilli è questo, in fondo il senso della sua domanda siamo i tuoi discepoli, ci hai detto che abbiamo autorità sugli altri, il nostro posto è migliore di quello di chiunque! E questo è vero, ma nel senso che il posto di Pietro e degli Apostoli è un posto che esige di più, perché la loro è un'autorità di servizio e non un privilegio da cui far derivare vantaggi personali, a soddisfazione del proprio egoismo.
Sempre l'egoismo tenta di infiltrarsi nei nostri pensieri e sempre è necessaria la lotta per respingerlo, sempre dobbiamo, come scrive san Paolo, liberarci dalla schiavitù del peccato per metterci al servizio di Dio, diventare "servi della giustizia". E un servizio libero, ma esigente, dell'esigenza del vero amore.
L'evangelista descrive la festa dell'egoismo. Il padrone tarda a venire e il capo dei servi comincia "a percuotere i servi e le serve, a mangiare, a bere e a ubriacarsi": è il festino sognato dall'egoista. La festa della carità è tutto il contrario e riempie il cuore di una pura gioia, perché ognuno non pensa a gioire ma a dare gioia agli altri, a darsi da fare in ogni modo per rendere più facile la gioia di tutti. Così chi è posto in autorità adempie la volontà del Signore.
"A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più". Sono parole che fanno capire il desiderio di Dio: egli ci dà molto per ricevere molto. Questo non vuol certamente dire che Dio cerca il proprio interesse, ma che vuole che portiamo frutto e che il nostro frutto rimanga.
Ringraziamo il Signore e siamogli riconoscenti per i suoi doni e chiediamogli che approfondisca in noi il senso del servizio, nella reciproca carità.

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Io t’invoco, mio Dio: dammi risposta,
rivolgi a me l’orecchio e ascolta la mia preghiera.
Custodiscimi, o Signore, come la pupilla degli occhi,
proteggimi all’ombra delle tue ali. (Sal 17,6.8)


Colletta
Dio onnipotente ed eterno,
crea in noi un cuore generoso e fedele,
perché possiamo sempre servirti con lealtà
e purezza di spirito.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Rm 6,12-18
Offrite voi stessi a Dio come viventi, ritornati dai morti.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani

Fratelli, il peccato non regni più nel vostro corpo mortale, così da sottomettervi ai suoi desideri. Non offrite al peccato le vostre membra come strumenti di ingiustizia, ma offrite voi stessi a Dio come viventi, ritornati dai morti, e le vostre membra a Dio come strumenti di giustizia. Il peccato infatti non dominerà su di voi, perché non siete sotto la Legge, ma sotto la grazia.
Che dunque? Ci metteremo a peccare perché non siamo sotto la Legge, ma sotto la grazia? È assurdo! Non sapete che, se vi mettete a servizio di qualcuno come schiavi per obbedirgli, siete schiavi di colui al quale obbedite: sia del peccato che porta alla morte, sia dell’obbedienza che conduce alla giustizia?
Rendiamo grazie a Dio, perché eravate schiavi del peccato, ma avete obbedito di cuore a quella forma di insegnamento alla quale siete stati affidati. Così, liberati dal peccato, siete stati resi schiavi della giustizia.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 123

Il nostro aiuto è nel nome del Signore.

Se il Signore non fosse stato per noi
– lo dica Israele –,
se il Signore non fosse stato per noi,
quando eravamo assaliti,
allora ci avrebbero inghiottiti vivi,
quando divampò contro di noi la loro collera.

Allora le acque ci avrebbero travolti,
un torrente ci avrebbe sommersi;
allora ci avrebbero sommersi
acque impetuose.
Sia benedetto il Signore,
che non ci ha consegnati in preda ai loro denti.

Siamo stati liberati come un passero
dal laccio dei cacciatori:
il laccio si è spezzato
e noi siamo scampati.
Il nostro aiuto è nel nome del Signore:
egli ha fatto cielo e terra.

Canto al Vangelo (Mt 24,44)
Alleluia, alleluia.
Vegliate e tenetevi pronti,
perché, nell’ora che non immaginate,
viene il Figlio dell’uomo.
Alleluia.

>

Vangelo

Lc 12,39-48
A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto.


+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora viene il ladro, non si lascerebbe scassinare la casa. Anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo».
Allora Pietro disse: «Signore, questa parabola la dici per noi o anche per tutti?».
Il Signore rispose: «Chi è dunque l’amministratore fidato e prudente, che il padrone metterà a capo della sua servitù per dare la razione di cibo a tempo debito? Beato quel servo che il padrone, arrivando, troverà ad agire così. Davvero io vi dico che lo metterà a capo di tutti i suoi averi.
Ma se quel servo dicesse in cuor suo: “Il mio padrone tarda a venire”, e cominciasse a percuotere i servi e le serve, a mangiare, a bere e a ubriacarsi, il padrone di quel servo arriverà un giorno in cui non se l’aspetta e a un’ora che non sa, lo punirà severamente e gli infliggerà la sorte che meritano gli infedeli.
Il servo che, conoscendo la volontà del padrone, non avrà disposto o agito secondo la sua volontà, riceverà molte percosse; quello invece che, non conoscendola, avrà fatto cose meritevoli di percosse, ne riceverà poche.
A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
La nostra adesione al Cristo non sempre si traduce nell'obbedienza a Dio e nella sollecitudine verso i fratelli. Presentiamo quindi al Padre la nostra preghiera:
Converti il tuo popolo, Signore.

A Pietro è stata affidata la responsabilità del gregge di Dio. Preghiamo perché il Papa divenga sempre più segno di unità tra le chiese cristiane:
L'uomo si pone spesso al servizio di falsi idoli in un paganesimo moderno che lo degrada. Preghiamo per un ritorno dell'umanità al Dio vero che non schiavizza, ma libera:
Il cristiano sa che i suoi carismi sono per il servizio dei fratelli. Preghiamo perché il nostro agire per l'uomo sia disinteressato e ricco di amore:
Ai popoli occidentali sarà richiesto molto dal Padre. Preghiamo perché la solidarietà verso i poveri sia vera e concreta:
Ciascuno di noi è amministratore di doni ricevuti dal Signore. Preghiamo perché nessuno di questi rimanga infruttuoso e sterile:
Perché il Signore ci liberi dalla tentazione del potere.
Perché tutte le Chiese si lascino evangelizzare dalla parola di Dio.

Padre misericordioso, che hai affidato alla tua Chiesa i sacramenti della salvezza, fà che in ogni azione ella rispecchi il volto del tuo Cristo, che ha condiviso in tutto l'esperienza della nostra umanità e ora vive con te per i secoli dei secoli. Amen.

Preghiera sulle offerte
Donaci, o Padre,
di accostarci degnamente al tuo altare,
perché il mistero che ci unisce al tuo Figlio
sia per noi principio di vita nuova.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona di comunione
Gli occhi del Signore sono su quanti lo temono,
su quanti sperano nella sua grazia, per salvare la loro vita dalla morte,
per farli sopravvivere in tempo di fame. (Sal 33,18-19)


Preghiera dopo la comunione
O Signore, questa celebrazione eucaristica,
che ci ha fatto pregustare le realtà del cielo,
ci ottenga i tuoi benefici nella vita presente
e ci confermi nella speranza dei beni futuri.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 23-10-2019)
A chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più
Più in alto si è collocati da Dio e più grande è la nostra responsabilità. Un padre è responsabile della vita della sua famiglia. Un preside responsabile di tutta la sua scuola. Se in essa non si studia, ci si droga, si è bulli, si commettono misfatti, lui è responsabile dinanzi a Dio di tutto il ma ...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 23-10-2019)
Hai ricevuto tanto
...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 23-10-2019)
Hai ricevuto tanto
...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 24-10-2018)
Commento su Lc 12,39-48
?Il Signore rispose: «Chi è dunque l'amministratore fidato e prudente, che il padrone metterà a capo della sua servitù per dare la razione di cibo a tempo debito? Beato quel servo che il padrone, arrivando, troverà ad agire così. Davvero io vi dico che lo metterà a capo di tutti i suoi averi.? Lc 1 ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 25-10-2017)
Commento su Lc 12, 40
?Anche voi tenetevi pronti, perché il Figlio dell'uomo verrà nell'ora che non pensate.? Lc 12, 40 Come vivere questa Parola? L'esortazione alla vigilanza prosegue, oggi, con la parabola del ladro. Mentre nel primo racconto sono i servi che vengono invitati a vegliare di notte in attesa del padron ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 25-10-2017)
Anche voi tenetevi pronti
Se la morte fosse l'ultima cosa per un uomo, così come essa è per un animale, non dovremmo né tenerci pronti e né essere preoccupati. Come prima non eravamo e siamo stati posti in essere, così ora siamo e dalla morte ritorniamo nel non essere. Se così fosse, ognuno potrebbe vivere come gli pare. Non ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 19-10-2016)
Commento su Lc 12,48
«A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto» Lc 12,48 Come vivere questa Parola? La Parola di Dio quest'oggi ci richiama ad un atteggiamento di attesa e di operosità, sull'esempio di Cristo, che ha realizzato la volontà del Padre, facendosi servo di tutti, A noi è richiesto di imitarlo nella su ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 19-10-2016)
A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto
Si è responsabili dinanzi a Dio di ogni bene di grazia e di verità che Lui ci ha elargito per la nostra santificazione e salvezza. Anche di una sola Eucaristia ricevuta, ma non messa a frutto, o ricevuta male, si è responsabili. Se un villaggio ha il dono di un sacerdote, anche di questo dono si è r ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 21-10-2015)

Noi conosciamo bene la volontà del padrone, non possiamo certo cadere dalle nuvole o fare gli gnorri. Abbiamo ricevuto tanto, abbiamo ricevuto tutto: il senso della vita, il percorso che ci conduce a Dio, la chiave di lettura della nostra storia e della grande Storia. Sappiamo, agiamo di conseguenza ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 21-10-2015)
Commento su Lc 12, 48
«A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più." Lc 12, 48 Come vivere questa Parola? Dopo un po' di discorsi di Gesù in parabole, a Pietro viene il dubbio se quei messaggi siano per lui o per altri... Forse Pietro inizia a non capire più Gesù ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 21-10-2015)
Sarà richiesto molto di più
Per poter saper morire, bisogna imparare a vivere. Poiché non sappiamo più vivere, neanche sappiamo più morire. Non si accoglie la morte. Ognuno vorrebbe esorcizzarla perché uscisse dalla sua vita. Purtroppo questo non può essere. La morte è senza legge, senza tempo, senza rispetto, senza alcuna sci ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 22-10-2014)

Questo è tempo per cristiani forti, non deboli. Non mezze cartucce che si lasciano trascinare dall'abitudine e sono cristiani solo perché nati in questo paese. Non cristiani che passano il tempo a porre dei ?distinguo? perché eccessivamente pigri. Tempi forti chiedono una forte appartenenza, non fan ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 22-10-2014)
Gli infliggerà la sorte che meritano gli infedeli
È giusto che ci si chieda: se il dettato evangelico è così chiaro, così limpido, così trasparente, così puro nella sua verità, perché la mente che lo interpreta gli dona significati totalmente opposti? Perché per essa ciò che è chiaro diventa oscuro, ciò che è limpido diviene torbido, ciò che è tras ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 22-10-2014)
Commento su Ef 3,8-9. 11-12
"A me, che sono l'ultimo fra tutti i santi, è stata concessa questa grazia: annunciare alle genti le impenetrabili ricchezze di Cristo e illuminare tutti sulla attuazione del mistero nascosto da secoli in Dio, creatore dell'universo, secondo il progetto eterno che egli ha attuato in Cristo Gesù nost ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 23-10-2013)
Commento su Lc 12,39-48
No Pietro, la parabola del servo che aspetta non riguarda i fratelli ancora in ricerca o quelli che tengono Dio lontano dal proprio orizzonte. No, non è proprio così: riguarda me e te, noi discepoli di lunga data, noi che abbiamo avuto la gioia straordinaria di conoscere il vero volto di Dio. Propri ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 23-10-2013)
A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto
A volte si guarda al vicino di casa, al compagno di scuola, al collega di lavoro e vediamo che fanno poco o nulla, non lavorano come dovrebbero, non studiano, non si applicano nelle cose che sono chiamati a fare, ed un po' ci adagiamo sugli allori vedendo che noi facciamo più di loro. Pian piano ci ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 23-10-2013)
Commento su Romani 6, 13
Offrite voi stessi a Dio come viventi, ritornati dai morti, e le vostre membra a Dio come strumenti di giustizia. Rm 6, 13 Come vivere questa Parola? Il passaggio da miseria a salvezza Paolo lo dice anche come passaggio dall'uomo vecchio all'uomo nuovo. Se la legge prima permetteva un'espressio ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 23-10-2013)
Signore, questa parabola la dici per noi o anche per tutti?
La Scrittura è fatta di molti momenti improvvisi, nei quali il Signore irrompe nella nostra storia e la sconvolge. In un istante si è nel tempo e in un istante nell'eternità. La sera si è in un luogo e il giorno dopo si è catapultati in un altro. Oggi si è sicuri della vittoria e domani si scappa vi ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 24-10-2012)
Commento su Luca 12,39-48
Le parabole del ritorno del padrone sono per chi non crede, per chi non è discepolo, o per noi? La domanda, solo apparentemente ingenua, è gravida di conseguenze. Pietro, e noi con lui ci aspettiamo una risposta negativa: no, non è per voi che già credete, non è per voi che meditate tutti i giorni l ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 24-10-2012)
Commento su Efesini 3,8-9
A me, che sono l'ultimo fra tutti i santi, è stata concessa questa grazia: annunciare alle genti le impenetrabili ricchezze di Cristo e illuminare tutti sulla attuazione del mistero nascosto da secoli in Dio, creatore dell'universo Ef 3,8-9 Come vivere questa parola? Per la prima volta dopo il pr ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 24-10-2012)
Signore, questa parabola la dici per noi o anche per tutti?
A volte chi ha Fede pensa che il Signore parli solo a lui. Chi crede in Dio ma si sente lontano da Lui per cose che non gli tornano o per troppi peccati commessi invece pensa che il Signore non parli per lui. Chi non crede in Cristo non sa che il Signore parla anche per lui. Le parole del Signore s ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24-10-2012)
Chi è dunque l'amministratore fidato e prudente?
Nella Chiesa santa il ruolo più alto di amministratore è senz'altro quello dell'Apostolo. Cristo Gesù si è consegnato interamente nelle mani dei suoi Apostoli e dei loro successori. Per loro la grazia e la verità inondano la terra. Per loro vengono contrastate le tenebre. Per loro si chiudono le por ...
(continua)